L’agopuntura è un’antica metodologia terapeutica appartenente al corpus della medicina tradizionale cinese. Ha come scopo il ristabilire lo stato di salute e di benessere del soggetto, mediante l’inserimento di alcuni aghi in specifici punti del corpo umano. Tali punti, 365 complessivamente, sono collegati in una complessa rete energetico funzionale che si estende per l’intera superficie corporea. Oltre all’utilizzo degli aghi è previsto l’utilizzo della moxibustione, caratterizzata dall’applicazione di calore sugli stessi punti utilizzati in agopuntura. Le varie componenti della suddetta rete sono conosciuti in occidente con il termine di meridiani, che rappresentano la via di scorrimento dell’energia e consentono non solo la stretta relazione fra le  singole componenti del corpo (microcosmo) ma anche di queste coll’universo (macrocosmo). Tali vie realizzano, attraverso l’utilizzo di punti cutanei, il riequilibrio energetico che è responsabile della salute dell’individuo. In medicina cinese la salute è la capacità dell’organismo di rispondere in modo appropriato ad un’ampia varietà di elementi patogeni, sia interni che esterni in modo da mantenere inalterata l’omeostasi. La malattia rappresenta quindi un’incapacità di adattarsi alla sfida, sia essa portata da  un germe,  da un tossico, da un’emozione.

 L’agopuntura è un atto esclusivamente medico.

L’OMS (l’organizzazione Mondiale della Sanità) indica numerose malattie che possono essere curate o guarite dall’agopuntura. Nella medicina cinese, per esempio non esistono separazioni fra psiche e soma.

Trova importante impiego nella terapia antalgica (cefalea, emicrania, dolori cranio muscolari, dolori dell’apparato muscolo scheletrico),nei disturbi neurologici e respiratori, digestivi, urogenitali e ginecologici, disturbi psichiatrici e comportamentali. L’intendimento della medicina cinese è comunque di proporsi come una medicina globale in cui la cura non si rivolge a particolari settori del corpo ma alla sua interezza.

Per l’agopuntura si impiegano aghi mono uso, sterili. Anche se è certo il rilascio di endorfine (sostanze simili alla morfina prodotte dal nostro organismo) di cortisone (che esercita effetti antinfiammatori non tutti i meccanismi per cui funziona l’agopuntura trovano spiegazioni. O meglio non esiste in termini scientifici occidentali, una spiegazione che fornisca risultati clinici che sono comunque verificabili e ripetibili.

Infine non sono descritti effetti collaterali gravi causati dall’agopuntura.

Il Dry Needling è usato per trattare il dolore e la disfunzione causata da problemi muscolari.

Il dry needling è una tecnica manuale, relativamente recente, che prevede l’utilizzo di aghi molto sottili per “disattivare” i trigger point, punti dolorosi responsabili di algie e disordini muscolari. L’ago viene inserito tra la pelle e i muscoli direttamente al punto di attivazione miofasciale. Un punto di attivazione miofasciale consiste nella contrazione di nodi multipli, che con un mantenimento di uno stato di contrazione muscolare sono responsabili del mantenimento del  ciclo del dolore. Il Dry needling (altrimenti chiamato trigger point needling) vanta già molti articoli in letteratura medica. Utilizza aghi molto sottili, gli stessi dell’agopuntura, senza alcun farmaco (un ago a secco) per raggiungere i suoi obiettivi. Quando l’ago è inserito, c’è una risposta neuromuscolare locale. Quando il punto di attivazione è trattato si evoca un dolore delle stesse caratteristiche di quello che i pazienti lamentano. Dopo un trattamento di dry needling la zona del muscolo perderà il perdurante stao di contratturacon benefici interini antalgici e funzionali.

Esistono analogie con l’agopuntura, infatti l’80% dei punti trigger è comune a punti di agopuntura ma anche notevoli differenze. La prima, come detto è legata ala medicina tradizionale cinese e che si pone come obbiettivo un riequilibrio energetico, condizione di buona salute. Il dry needling ha uno scopo squisitamente antalgico e si fonda su studi elettrofisiologici strettamente legati alla medicina occidentale.

IL NOSTRO SPECIALISTA:

Curriculum <strong>Dott. Massimo Chiesa</strong>
Curriculum Dott. Massimo Chiesa